QUANTO COSTA RISTRUTTURARE?

Aggiornamento: 11 gen



La ristrutturazione ha un costo importante, inutile negarlo.

È quindi fondamentale capire e rispondere ad alcune domande:

Quali interventi rientrano nel 110%? Quali altri incentivi si possono andare a sfruttare? Come incidono sul bilancio della ristrutturazione? Ha senso o non ha senso?

A tutte queste domande darò una risposta concreta.

Il compito di questo articolo è quello di dare strumenti a chi come me è in questa fase.

Inserirò tutte le spese previste suddividendo tra impianti primari e secondari e dando uno sguardo ai bonus fiscali ed edilizi che ovviamente influenzano le nostre scelte.

In questo modo avrò le idee più chiare per quanto riguarda la richiesta di mutuo.

Abbiamo diverse spese da tenere in considerazione:

1. LA PROGETTAZIONE

Guardando ai costi di partenza, ovvero quelli di progettazione, raggiungiamo un totale di 30.000 €.

2. OPERE EDILI

In questa sezione si parla di 141.600 € di opere edili

3. PARTE TERMICA

Su queste spese ho selezionato prodotti di alta qualità e il totale è di 53.200 €. Potevo spendere meno? Sicuramente, ma come ogni persona ho le mie esigenze e volontà, per casa mia voglio degli impianti efficienti e performanti.

4. IMPIANTO ELETTRICO

Qui le spese toccano i 69.500 € considerando però 27.000 € di batteria. Se però non ci sarà la possibilità di accedere al 110, questo è un prodotto che può anche essere installato negli anni successivi, non è strettamente necessario.

5. SPESE VARIE

In questa sezione rientrano spese molto più soggette all’estetica (decori, piastrelle, infissi, ceramiche) e secondo i miei calcoli potrei andare a toccare i 77.500 €. Ricorda sempre che casa tua poi la dovrai vivere ogni giorno e deve anche saper soddisfare i tuoi gusti personali.

Risultati?

TOTALE: 371.800 € per ristrutturare casa senza considerare i costi per comprare casa, per cui si andrebbe tranquillamente oltre i 400.000 €.

Tanti? Pochi?

Beh, sono tantissimi, ma alcuni conti potrebbero essere non considerati o eseguiti in un secondo momento.

Per esempio eliminando o posticipando batteria, fotovoltaico, esterni e volendo anche pompa di calore che non è prioritaria se si ha una caldaia a gas.

Ma guardiamo agli incentivo ora.

COSTI CON INCENTIVI 50-65%

La Progettazione e la parte edile può andare al 50% e la parte edile può anche sfruttare l’Ecobonus al 65%.

La parte elettrica e spese varie al 50%, mentre gli infissi vanno sotto l’Ecobonus.

Facendo due conti 131.000 € possono essere recuperati e di conseguenza si scendere sui 315.000 € per fare il tutto.

MA CON 110% E SISMABONUS??

Con il 110 sarebbe un’altra storia.

Facendo un calcolo molto spannometrico sarebbero 303.000 € recuperabili che, convertiti al 90%, fanno 273.000 €.

Quindi?

Quindi con 173.000 € comprerei casa e farei tutta la ristrutturazione.

ATTENZIONE.

Si tratta di indicazioni molto generali, puoi prenderle come riferimento ma ovviamente ci sono tante variabili che entrano in gioco.

In linea generale, per il mio progetto ci sono tre aspetti da considerare:

  1. Personalizzazione

  2. Convenienze a livello economico (detrazioni)

  3. Sostenibilità (costruire sul nuovo è comunque una nuova costruzione, recuperare l’esistente è sicuramente più fattibile)


Ti invito a recuperare il primo video della mia serie in modo da avere ben chiaro il quadro della situazione:

https://youtu.be/qMsfHp-7_38


Se sei arrivato fino a questo punto della descrizione, vuol dire che sei seriamente interessato ad approfondire gli argomenti legati al mondo degli impianti ad energia rinnovabili.

Se non vuoi perderti nessun video iscriviti al canale:

https://goo.gl/1ZYyNW

Se invece vuoi diventare davvero INDIPENDENTE:

www.soluzionigreen.it/richiediconsulenza

Sei alla ricerca di un progettista, un artigiano a cui affidare i lavori per casa tua?

Hai bisogno di un tecnico per la tua riqualificazione?

CERCA E TROVA IL TUO PROFESSIONISTA SU:

https://paginegreen360.it