LA VENTILAZIONE MECCANICA RIENTRA AL 110%? SCOPRIAMO INSIEME LE CONDIZIONI!






Benvenuto nuovamente sul bellissimo, fantastico, stupendo sito della Soluzioni Green!

Sì, oggi sono di buonumore e tu?

Beh, se stai leggendo questo articolo immagino tu ti stia rilassando, magari sul divano, nel letto, nella vasca da bagno… dove vuoi tu!

In ogni caso basta chiacchierare, “passiamo alle cose formali”.

Finalmente abbiamo avuto risposta da parte dell’ENEA per quanto riguarda la ventilazione meccanica controllata.

Non ci credi vero?

Lo so, dopo circa 12 mesi dalla pubblicazione del Decreto Rilancio, ancora mancavano dei tasselli.

Si sa in Italia le cose vanno un po’ così.

In ogni caso finalmente abbiamo capito se la VMC può essere detratta o meno!

E se la VMC può essere detratta, all’interno di quali massimali rientra?

Ma ricapitoliamo un attimo, torniamo indietro nel tempo e facciamo chiarezza.

Cos’è la VMC?

È un sistema che viene caldamente proposto quando si procede con un isolamento termici, quando si realizza un cappotto.

Perché?

Perché la stratigrafia aggiuntiva alle pareti opache, la sostituzione dei serramenti riduce la traspirabilità dell’edificio, con il rischio che si formi la muffa.

La strategia migliore per ovviare al problema della muffa è il ricambio d’aria.

Bene allora mi basta aprire le finestre?

Sì e no.

Nel senso che aprire le finestre è assolutamente una strategia funzionante, ma allo stesso tempo significa disperdere calore all’esterno.

E se i nostro obbiettivi (ed è anche per questo che è nato l’Ecobonus) sono di ridurre le dispersioni e gli sprechi energetici, ridurre il fabbisogno delle abitazioni allora non è proprio la soluzione migliore.

Ed è qui che interviene la nostra ventilazione meccanica.

La VMC infatti permette di cambiare l’aria, senza disperdere energia.

I sistemi puntuali sono spesso utilizzati in abbinamento all’isolamento termico e fino ad oggi potevano essere portati in detrazione fino al 50%

E ora?

Ora la ventilazione meccanica può sfruttare il 110% rientrando come “opere accessorie all’isolamento termico”.

“A posto, allora me la voglio Davide”.

Alt.

Pensavi davvero fosse così semplice?

Ci sono alcune condizioni che devono essere rispettate ovviamente.

1ª CONDIZIONE

Tutti i decreti minimi del decreto ministeriale del 26 giugno 2015 devono essere soddisfatti:

Valori di trasmittanza, valori relativi ai ponti termici e valori che certificano l’assenza di formazione della muffa e condensa interstiziale.

Se l’intervento di riqualificazione non è in grado di soddisfare questi requisiti minimi allora la VMC può essere portata in detrazione al 110% se è l’unica soluzione che possa soffiare questi requisiti.

In tutto questo si deve anche verificare, e a questo ci deve pensare il termotecnico, che la Ventilazione Meccanica abbia benefici a livello energetico, benefici che devono superare gli assorbimenti elettrici.

2ª CONDIZIONE