GLI IMPIANTI DI UNA CASA ZERØ GAS CHE SFRUTTERÁ IL 110%





Nell’articolo di oggi vi porto in viaggio e vi racconto uno dei tanti cantieri che stiamo seguendo e che riuscirà ad accedere alle detrazioni dell’Ecobonus eliminando completamente il gas.

Ci troviamo nella bella Liguria, terra di musica, di storia e soprattutto, visto che a me piace mangiare, terra di buon cibo.

In particolare l’abitazione oggetto di questo articolo si trova a Rapallo e, grazie alla nostra consulenza energetica Professionale, riuscirà a sfruttare il 110%.

L’Ecobonus non esiste

L’Ecobonus è impossibile

Nessuno ha capito come funziona l’Ecobonus

Quante volte ho sentito questa frase e in effetti se ci si affida alle persone sbagliate, si rischia di perdere questa enorme possibilità.

Qui però, parliamo di fatti, l’Ecobonus esiste e può essere sfruttato.

Vuoi rischiare di perdere questa grande occasione? Vuoi rischiare di buttare via migliaia di euro?

Penso proprio di no.

Fai attenzione perché le insidie sono dietro l’angolo.

Ma bando alle ciance, concentriamoci su questa abitazione.

L’ESTERNO

Per questa casa è stato installato un cappotto termico molto performante e, nella facciata, si è deciso di valutare un rivestimento in pietra per preservare l’impatto estetico dell’edificio rurale.

Attenzione.

Alla base di ogni riqualificazione bisogna rispettare le normative e questo è un esempio REALE di come si può realizzare il cappotto termico salvando la parte estetica.

L’INTERNO

Cappotto cosa chiama?

Chiama la VMC per cui andiamo all’interno, ma è proprio nel salotto che possiamo notare un impianto molto particolare:

Un caminetto a legna.

Ma come Davide? Un caminetto a legna?

Sì, per un discorso di estetica per volere del cliente

E ora mi rivolgo a te nel caso stessi pensando a questa soluzione come oggetto di arredamento.

Se hai intenzione di utilizzare la biomassa come fonte principale non ha molto senso ti posso dire che non ha molto senso.

Se invece la tua scelta è legata ad un discorso estetico e vuoi accenderlo saltuariamente, passa alla legna perché il pellet è anti-estetico.

Ma ovviamente siamo solo all’inizio perché per questa casa al 110% abbiamo previsto un bel po’ di roba.

Andando nel sottoscala troviamo un Deumidificatore ad incasso e la ventilazione meccanica ad incasso della Helty. Ventilazione che, come ormai avrete imparato permette di eliminare la muffa e purificare l’aria.

Come verrà riscaldata questa abitazione?

Con un impianto a pavimento a bassa inerzia.

Come mai questa scelta?

Perché, in maniera sintetica, l’inerzia è tanto più importante quanto meno è isolata l’abitazione e, in questa casa, come detto poche righe sopra, abbiamo un isolamento importante e di conseguenza ci serviva un impianto rapido e facile da gestire.

Avremo di conseguenza una regolazione stanza per stanza ed una climatizzazione estiva/invernale stanza per stanza.

Per la zona in cui ci troviamo il problema non è tanto il riscaldamento invernale, ma quanto il raffrescamento estivo e per questo motivo si è optato per un doppio sistema per il raffrescamento

  1. Deumidificazione e raffrescamento a pavimento

  2. Rivestimento in pietra (dà capacità termica all’edificio, le pietre fuori accumulano il calore e non arriva all’interno dell’abitazione)

Ovviamente riscaldamento e raffrescamento saranno delegati alla tanto amata pompa di calore, che ha il compito di fare sia caldo che freddo. Impianto che si compera anche dell’acqua calda sanitaria e dunque, siccome dovrà ivertire il ciclo per fare il riscaldamento dell’acqua, abbiamo previsto un serbatoio inerziale da 100 litri.

Quale pompa di calore abbiamo scelto?

La Stiebel Eltron.

Serviva qua?

No, ma l’ultima parola spetta sempre al cliente e, ovviamente sfruttando l’Ecobonus gran parte dell’investimento viene comunque recuperato.

Altra cosa: ricordati che dietro ogni scelta di ogni singolo impianto che ti ho riportato in questo articolo, c’è sempre il dialogo con il cliente, l’ascolto delle sue esigenze e dei suoi desideri.

Infine, dirigendoci in centrale termica, avremo:

- Pannelli SunPower 400

- Batteria tesla

- Gateway tesla 2 per il kit anti black-out

- Inverter SolarEdge con ottimizzatori per il monitoraggio di ogni singolo pannello

Se vuoi approfondire il discorso è vedere con i tuoi occhi come il 110%, come l’Ecobonus, sta prendendo forma in questa abitazione che stiamo seguendo, clicca sul video a inizio articolo.

Se sei arrivato fino a questo punto della descrizione, vuol dire che sei seriamente interessato ad approfondire gli argomenti legati al mondo degli impianti ad energia rinnovabili.

Se non vuoi perderti nessun video iscriviti al canale:

https://goo.gl/1ZYyNW

Se invece vuoi diventare davvero INDIPENDENTE:

www.soluzionigreen.it/richiediconsulenza