FOTOVOLTAICO PER ABBATTERE CARO BOLLETTA E COSTO LUCE KW/H



La produzione eccessiva di CO2 e di altre sostanze legate alla produzione di luce e gas ha un impatto notevole sul pianeta. Infatti, questi elementi causano disfunzioni nell’ambiente, quali il surriscaldamento eccessivo, l’inquinamento, ecc…che si riversano chiaramente su noi e la nostra vita.


Ragion per cui molti fornitori luce e gas stanno vendendo energia prodotta da fonti rinnovabili (ossia che si rigenerano in natura), per evitare l’eccessiva emissione di sostanze nocive per l’ambiente. L’energia elettrica prodotta da impianti che sfruttano fonti green incide anche sul costo luce kwh. Infatti, questa non prevede l’acquisto di ulteriori materie prime e il costo in bolletta per la componente energetica diminuisce.


Costo luce kwh: che cos’è e da cosa è composto


Il costo della luce kWh (Kilovattora) è il prezzo che ammonta sulla fornitura luce in base a ogni kWh consumato. La quantità dei kWh impiegati è indicata sulla bolletta della luce e si ricava dalla lettura del contatore. Ogni kWh corrisponde a 1000 Wh, che a sua volta è la quantità di energia elettrica impiegata nell’arco di tempo di un’ora da apparecchi che hanno potenza di 1 kW.


Il costo luce kWh è composto da due quote:

  • Fissa, che riguarda esclusivamente le spese della gestione commerciale e dunque non cambia.

  • Variabile, che risulta diversa in base ai kWh consumati, e che include anche le spese di trasporto e gli oneri di sistema.

Inoltre, sul costo luce kWh incide notevolmente anche il PUN (Prezzo Unico Nazionale) che individua il costo di riferimento dell’energia acquistata dallo Stato.


Quali fattori influenzano la quota variabile in bolletta?


La quota variabile del costo luce kWh è influenzata da:

  • Il massimo di potenza erogabile richiesto. Per gli impianti che possono fornire grandi quantità di energia, il costo luce kWh sarà chiaramente più alto rispetto agli standard. Ad esempio, i costi dell'Energia a Cuneo e Provincia potranno variare ed essere diversi a seconda del tipo di contatore utilizzato.

  • I consumi effettuati.

  • La residenza dell’utenza luce. Se si dispone solo del domicilio presso l’indirizzo che riceve la fornitura, i costi in bolletta saranno più elevati.

Energia rinnovabile e fotovoltaico: tutti i vantaggi


Per produrre energia elettrica vengono impiegate diverse fonti, quali:

  • Petrolio

  • Energia solare

  • Energia eolica

  • Energia idroelettrica

  • Biomassa

Mentre il petrolio è altamente inquinante per la produzione di CO2, le altre fonti sono note come rinnovabili, in quanto si rigenerano. Di conseguenza, non si esauriscono, non è necessario acquistarle nuovamente per produrre energia e non sono inquinanti. Tra le soluzioni elencate, una delle energie che riduce notevolmente il costo luce kWh è quella solare, prodotta dagli impianti fotovoltaici.


I benefici dell'impianto fotovoltaico


L’energia prodotta dai raggi del sole possiede i seguenti, non irrilevanti benefici:

  • È totalmente gratis, in quanto non viene venduta.

  • Rappresenta una soluzione ecologica perché non inquina e non si esaurisce.

  • Sebbene il costo per l’installazione dell’impianto sia elevato, la spesa in bolletta sarà ridotta del 60%.

  • Con l’installazione di una batteria di accumulo, l’energia prodotta di giorno sarà conservata in modo da poter essere usata anche di notte.

Insomma, i vantaggi dell’energia solare sono soprattutto in termini di rispetto dell’ambiente e di risparmio. Infatti, il costo luce kWh di una fornitura erogata da pannelli fotovoltaici risulterà notevolmente ridotto. Per ulteriori informazioni al riguardo, consulta questa pagina.

2 commenti